fbpx

Storytelling come trasformarlo in business

Storytelling (la narrazione di storie) è diventata una delle parole d’ordine più usate dai professionisti del marketing. In realtà è un’arte senza tempo. Le storie hanno guidato il comportamento umano nel corso della storia. Nell’era digitale, le imprese, i lavoratori e i leader hanno più opportunità che mai di distinguersi, diffondere il loro messaggio e stimolare il cambiamento attraverso le storie.
Le belle storie ci sorprendono, ci fanno pensare e sentire, si insinuano nelle nostre menti e ci aiutano a ricordare idee e concetti in un modo che un Power Point pieno di grafici non potrà mai fare.
Dal momento che – grazie ad internet – spendiamo ormai sempre più tempo consumando informazioni, lo storytelling è un’abilità fondamentale che ogni azienda dovrebbe padroneggiare. I social media ci hanno permesso di conversare con chiunque e con qualsiasi azienda, è ormai normale trovare dei brand content (contenuti editoriali creati ad hoc per comunicare i valori di un brand) su Facebook. Poiché moltissime aziende si presentano oggi come editori, la caratteristica distintiva del successo sarà la capacità di creare storie avvincenti.
Abbiamo aumentato il numero di lettori, grazie allo storytelling ecco come:


1) Impegnandoci in una missione. 

Il content marketing è come una campagna politica. Devi presentarti alle persone e guadagnare la loro fiducia. Ti serve una missione che guidi i tuoi contenuti e abbia risonanza tra le persone. La nostra missione è: “costruire un mondo dei media migliore”. Pensiamo di poterlo fare aiutando i brand a lavorare con strumenti efficaci e con creativi di talento per produrre delle storie che coinvolgano davvero le persone. Non è una tattica rivoluzionaria, ogni esempio di content marketing di successo (General Electric, Red Bull, Dollar Shave Club, Moz, Marriott) ha seguito un’etica simile, ovvero “prima il pubblico”. 


2) Acquisendo conoscenze sul pubblico.

Abbiamo iniziato ad usare delle pubblicità a pagamento su Facebook per raggiungere più persone, e abbiamo iniziato ad usare Contently Analytics per vedere come potevamo aumentare il loro coinvolgimento, guidare le conversazioni e acquisire lettori fedeli. Il CPC (cheap cost per click) non è sufficiente, quello che conta davvero sono storie che facciano sì che il lettore: spenda molto tempo sui tuoi contenuti; finisca la maggior parte delle storie su cui incappa; legga un altro contenuto; condivida la storia sui suoi social networks; diventi un iscritto alla newsletter; scarichi i contenuti premium; visiti le pagine dei prodotti e compili i moduli di richiesta demo.

3) Stabilendo una metodologia strategica.

È fondamentale fermarsi regolarmente per valutare cosa sta funzionando. Una delle tattiche più importanti è taggare le tue storie (per argomento, personaggio, format, ecc.) e confrontare le metriche di produzione con le metriche di rendimento. In questo modo puoi vedere quali storie stanno sovra o sottoperformando rispetto ai tuoi obiettivi. Quindi dovrai verificare quale contenuto performa meglio sui diversi canali e adattare la tua strategia di distribuzione di conseguenza.